Home 2014 Lettera aperta di Dino Dolci
Lettera aperta di Dino Dolci PDF Stampa E-mail

Con piacere riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Dino Dolci, già VicePresidente dell'Ass. Nazionale Allenatori ed ex Assessore allo Sport del Comune di Monza, in riferimento a quanto successo domenica scorsa al nostro torneo interetnico. Pensieri che condividiamo e che non lasciaremo cadere nel vuoto, ma anzi li utilizzeremo come spinta all'azione, seguiteci!

"Caro Carlo, mi delude molto quanto da te riferito, anche se non mi sorprende. Non ho mai pensato infatti che lo sport sia un valore in sé, ma un formidabile strumento di educazione che dipende comunque dall’uso che se ne fa.

Non deve meravigliare se spesso (nel calcio in particolare) ritroviamo comportamenti in contraddizione coi valori culturali, sociali, etici che vorremmo fossero l’essenza dello sport. Tu stesso ne sei testimone e non è la prima volta neanche nel Trofeo della Pace. I modelli che ci vengono proposti quotidianamente attraverso i media inevitabilmente lasciano traccia….

In sintesi, anche lo sport ha bisogna di educazione, prima ancora di produrre educazione. Ed è un processo che ha bisogno di buoni maestri, buone pratiche (e fin qui ci siamo, se penso a te e al Trofeo della Pace), ma anche tempi non brevi. Mettendo in conto anche le battute d’arresto e le delusioni. Momentanee. Perché anche queste si tradurranno -ne sono sicuro-  in motivazione ulteriore, a fare meglio. Perché è ovvio che si possa fare meglio, soprattutto nella prevenzione, nella EDUCAZIONE ALLO SPORT.

A tal fine credo che anche l’episodio spiacevole possa diventare un’ opportunità. E tu saprai cogliere benissimo l’occasione per elevare il livello di sensibilità  e responsabilità. Magari in una serata ad hoc, in cui il caso,  pur nella sua valenza negativa,  possa  essere posto all’attenzione delle squadre (e non solo loro), per acquistare una funzione didattica e favorire la presa di coscienza e una risposta condivisa.

Grazie Carlo, comunque, per quello che fai. Grazie ai tanti protagonisti del tuo bellissimo torneo!"   Dino Dolci