Home 2012 comunicati
comunicati 2012
Etica e valori nello sport PDF Stampa E-mail

Il convegno sul tema: “etica e valori nello sport" si terrà martedì 27 novembre dalle ore 18.00 presso l'Urban Center in via Turati 6, a Monza - zona stazione FS - organizzato dalla UPF Universal Peace Federation in collaborazione con la UISP l'Unione Italiana Sport per Tutti - Comitato Monza Brianza e con l'adesione del Comune e della Provincia di Monza e dell'Ufficio Scolastico Provinciale.

L'incontro, rivolto ad allenatori, dirigenti sportivi, atleti, insegnanti ed educatori in genere, vedrà l'alternarsi di molti relatori, tra cui alcuni atleti e giovani del territorio, con esperienze concrete, idee e proposte sul tema.

Il convegno sarà condotto da Carlo Chierico, Presidente della sezione monzese UPF insieme a Dino Dolci, già VicePresidente Nazionale dell'Ass. Italiana Allenatori di Calcio, con la presenza del Consigliere Delegato allo Sport del Comune di Monza Silvano Appiani.Tra gli interventi istituzionali ci saranno quelli del Presidente del CONI Lombardia Pier Luigi Marzorati, del Presidente Regionale della UISP Paolo Della Tommasa e del Presidente Regionale degli Special Olympics Mauro Soldati.

Ad oggi hanno confermato la loro presenza, con contributi sul tema, i seguenti ospiti: Alessandra Marzari, Presidente del Consorzio VeroVolley; Francesca Vallardi, consulente; Antonio Padovano, Presidente del Sanda Volley; Giuliano Rusca, Responsabile dell'Attività di Base dell'Inter Calcio; Gaetano Palmiotto, del Consiglio Direttivo del Rugby Monza; Patrizio Sala, ex giocatore di calcio serie A e ora Responsabile Tecnico del Fiammamonza; Enrico Danili, Preside delle Scuole Superiori Mapelli e Floriani.

Aperto al pubblico, con entrata libera, questo convegno sarà inoltre l'occasione per presentare le nuove edizioni del Trofeo della Pace, con i tornei interetnici di calcio a 7 maschile e di pallavolo femminile e gli eventi di valenza educativa ad esso collegati.

Lo sport è stato definito come "fatto sociale totale e come straordinario sensore del mutamento sociale" e in effetti può assumere una vera dimensione educativa, se si riesce a trasmettere ai giovani atleti valori positivi, che non possono trascendere dall'etica e dal rispetto delle regole insite nella competizione. Attraverso la passione comune e la pratica dello sport si favorisce inoltre la conoscenza reciproca, l'amicizia e l'integrazione tra persone di culture, nazionalità e tradizioni diverse.   Per info: tel. cell. 393.0077700 mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Immagine

 

 
Torneo interetnico di pallavolo femminile PDF Stampa E-mail

Per la prima volta al Trofeo della Pace hanno giocato le donne: nell'ambito della rassegna "Ottobre insieme 2012" del Comune di Monza, si è tenuto un torneo interetnico di pallavolo femminile, organizzato dalla nostra UPF insieme all'Associazione dei Giovani Musulmani d'Italia e alla Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo. E si è tenuto a Monza, in giornata unica domenica 28 ottobre, anche grazie alla collaborazione della UISP l'Unione Italiana Sport per Tutti e con il fattivo contributo del Preside prof. Enrico Danili, che ha messo a disposizione la palestra della scuola Achille Mapelli.

Sei le squadre partecipanti a questa prima edizione: la Mapelli, formata da giocatrici della scuola dove si è tenuto il torneo; la Floriani, con giocatrici dell'Istituto Floriani di Vimercate; la UPF, con giocatrici di nazionalità diverse: 3 italiane, 3 egiziane, 1 americana e 1 brasiliana; il Sanda Volley, con una formazione di giovanissime under 16; e 2 squadre di giovani musulmane: una del Centro Islamico di Monza e una dei Giovani Musulmani Italiani. Divise in 2 gironi da 3 squadre, le sei formazioni in campo hanno dato vita a partite che hanno divertito il numeroso pubblico presente, anche se, al di la' dell'aspetto tecnico e agonistico, è stato rilevante l'aspetto sociale e amichevole del torneo, dimostrando che attraverso lo sport si riesce davvero a favorire la conoscenza, l'amicizia e l'integrazione tra persone di diversa nazionalità, cultura e religione.

Questi i risultati sportivi: nella finale per il terzo e quarto posto la squadra dei Giovani Musulmani Italiani ha battuto la squadra della UPF, mentre nella finalissima, molto combattuta e tecnicamente ben giocata da entrambe le squadre, le giovanissime del Sanda Volley si sono imposte sulle ragazze della scuola Mapelli. Al termine delle partite e prima dei festeggiamenti con le premiazioni, gli esponenti delle tre associazioni promotrici e del Comune di Monza hanno espresso tutta la loro soddisfazione per il successo della manifestazione, ben visibile nella gioia e nell'allegria espressa dalle giocatrici e dagli spettatori.

Alla fine tutte le squadre sono state premiate con un trofeo, consegnati  dalla ViceSindaco Assessora Bertola e dal Consigliere Delegato allo Sport Silvano Appiani, mentre la festa finale è proseguita con la condivisione di un rinfresco a base di dolci e bibite, un'occasione per stare ancora un po' insieme a commentare le partite ma anche per scambiarsi i numeri di telefono, presupposto per incontrarsi ancora, mentre la sezione brianzola della UPF ha già programmato una serie di eventi dedicati allo sport, che proseguiranno con il convegno che si terrà martedì 29 novembre alle 18.00 presso il palazzo dell'Urban Center a Monza, sul tema "L'etica e i valori nello sport". Il convegno, con alcuni relatori di rilevanza nazionale ed aperto al pubblico, sarà rivolto ad allenatori, dirigenti sportivi, atleti, insegnanti ed educatori in genere.   Carlo Chierico

Immagine_3_2

 
Trofeo della Pace al femminile PDF Stampa E-mail

Dopo sette edizioni del Trofeo della Pace di calcio a 7 abbiamo promosso, insieme agli amici dell'Associazione dei Giovani Musulmani di Monza Brianza e alle amiche della Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo, una sua versione al femminile, con un torneo interetnico di pallavolo. Questa prima edizione del Trofeo della Pace di pallavolo femminile si terrà in giornata unica, domenica 28 ottobre presso la palestra della Scuola Achille Mapelli a Monza, nell'ambito della manifestazione "ottobre insieme 2012" del Comune di Monza e grazie anche all'adesione della UISP, l'Unione Italiana Sport per Tutti, che ne condivide gli intenti e mette a disposizione i giudici di gara. Oltre a dare la possibilità di praticare lo sport preferito, anche se nell'occasione per una sola domenica, il torneo si prefigge di favorire la conoscenza reciproca, l'amicizia e l'integrazione tra persone di diversa nazionalità e cultura. Naturalmente l'entrata sarà libera, mentre davanti alla scuola c'è un ampio parcheggio a disposizione. 

volantino_pallavolo_femminile_2012

 
Non solo sport: 21 settembre veglia interreligiosa di preghiera PDF Stampa E-mail

Accogliendo l'appello delle Nazioni Unite a celebrare l'International Day of Peace, indetto con una risoluzione ufficiale dell'ONU per il 21 settembre di ogni anno, il cui motto per il 2012 è "una pace sostenibile per un futuro sostenibile", la UPF Universal Peace Federation insieme ad altre associazioni e con l'adesione e l'appoggio del Comune di Monza e della Provincia Monza Brianza, ha promosso i seguenti eventi.

Venerdì 21 settembre ore 20:45 - all'aperto davanti al palazzo del Municipio - in piazza Trento e Trieste a Monza si terrà l'ottava edizione della "Veglia interreligiosa di preghiera". Esponenti delle varie fedi e comunità del territorio offriranno al pubblico una preghiera, una riflessione, un canto e/o la lettura di un brano di un testo sacro, come sostegno spirituale per la pace nel mondo. Proseguendo il percorso di dialogo e collaborazione interreligiosa, verrà proposto da persone di varie culture, nazionalità e tradizioni religiose un contributo allo sviluppo della pace e alla promozione dei diritti umani. Il trasporto emotivo e la grande partecipazione dei presenti hanno decretato, negli anni, il successo crescente della veglia, dimostrando che la diversità non costituiste necessariamente una ragione di conflitto, ma nel rispetto reciproco può essere motivo di integrazione, arricchimento e ispirazione per tutti a cooperare e agire per il bene comune. Molti i rappresentanti, religiosi e laici, che hanno confermato la loro partecipazione, tra cui alcuni monaci buddisti di origine birmana e tibetana. La veglia, della durata di circa 1 ora, si concluderà con l'accensione insieme, da un grande braciere posto a fianco della pedana, di candele bianche come ulteriore simbolo di pace. Si può visionare e scaricare la locandina al link.  Carlo Chierico




 
Video Trofeo della Pace PDF Stampa E-mail

Video del Trofeo della Pace realizzato da BrianzaChannel e pubblicato anche su YouTube, per vederlo vai sulla "rassegna stampa" di questo sito e poi clicca sul link indicato.

 
La vittoria a The African Football PDF Stampa E-mail

The African Football è la squadra che si aggiudica il Trofeo della Pace 2012 battendo nella finalissima l'Ecuador con il risultato di 5 a 2. Bellissima partita, con azioni in velocità ben costruite da una parte e dall'altra, rimasta in equilibrio per tutto il primo tempo, dove l'Ecuador era passata in vantaggio, poi nella ripresa The African Football ha preso il sopravvento e si è meritata nettamente la vittoria finale e la foto di copertina, che li vede premiati dal Consigliere del Comune di Monza Silvano Appiani, delegato allo sport dal Sindaco Scanagatti. A presto altri aggiornamenti.

Immagine_8

 

 
Sport e amicizia: domenica 24 gran finale allo stadio Sada di Monza PDF Stampa E-mail

Percorsi di conoscenza, integrazione e socializzazione attraverso lo sport: questo si propone il Trofeo della Pace, arrivato alla giornata conclusiva, oltre naturalmente di dare la possibilità di praticare il calcio a tanti giovani, ma anche meno giovani, di nazionalità, culture e tradizioni diverse. Molte riflessioni ci sarebbero da fare in merito ma troveremo tempi e modi più avanti, ora dedichiamoci all'ultima giornata di questa settima edizione del torneo interetnico, che si terrà domenica 24 presso lo stadio Sada, messo a disposizione e opportunamente ridotto per il gioco del calcio a 7 dalla Società Fiammamonza, che lo gestisce e che ringraziamo vivamente.

Questo il programma di domenica 24 giugno, stadio Sada di via D. Guarenti - zona staz. FS Monza - entrata libera:

ore 15.00 triangolare tra Bolivia, Tibet e UPF International per la Coppa Fairplay

ore 16.00 finale per il 3° posto: Bangladesh - GMMB (giovani musulmani Monza Brianza)

ore 17.00 finale per il 1° posto: The African Football (mista giovani del Senegal e Burkina) - Ecuador

ore 18.00 premiazioni con coppe, medaglie e gadget per tutti i partecipanti

ore 18.30 rinfresco riservato ai giocatori

Un programma intenso per l'ultima giornata, ma come organizzatori abbiamo voluto dare l'opportunità di giocare, ancora una volta, al maggior numero di squadre. Inoltre il triangolare per la Coppa Fairplay, grazie alla presenza degli amici tibetani, ci da la possibilità di non dimenticare la causa per i diritti umani in Tibet, tra l'altro il Dalai Lama sarà a Milano nei giorni 27 e 28 giugno.

La finalissima tra The African Football ed Ecuador, squadre composte entrambe da elementi giovani molto bravi tecnicamente e dotati di notevole capacità atletica, esprime sicuramente le forze migliori viste in campo in questa edizione del torneo interetnico e promette di essere davvero una bellissima partita. La terna arbitrale sarà messa a disposizione dalla sezione brianzola della UISP, l'Unione Italiana Sport per Tutti, che anche quest'anno collabora, condividendo pienamente gli scopi e i valori fondanti del Trofeo della Pace.

Invitiamo gli appassionati a venire per l'occasione allo stadio Sada, dotato di tribuna coperta e bar aperto, facilmente raggiungibile sia con la macchina, park in piazza Castello o nelle vie adiacenti, che con mezzi pubblici essendo a soli 100 metri dall'uscita piazza Castello della stazione FS di Monza. A tutti i giocatori, che sono poi i veri protagonisti, un grande augurio per una intensa e piacevole giornata di sport e amicizia.   Carlo Chierico, presidente UPF Universal Peace Federation - sezione Monza Brianza. Per info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

UPF_sportforpeace

 
Semifinali al Monzello PDF Stampa E-mail

Siamo arrivati alla fase finale di questa edizione del torneo interetnico, domenica 17 si giocheranno le semifinali e domenica 24 si terrà la giornata conclusiva, con le finali e la festa delle premiazioni, ecco intanto il programma delle due partite di domenica 17 giugno, presso il campo Monzello - un grande grazie alla Società Monza Calcio che lo ha messo a disposizione - in via Ragazzi del 99 (zona viale Libertà) a Monza:

ore 16.00 prima semifinale: Bangladesh - GMMB (giovani musulmani Monza Brianza)

ore 17.00 seconda semifinale: The African Football - Ecuador 

Entrambi gli incontri saranno affidati ad un arbitro della sezione brianzola della UISP, l'Unione Italiana Sport per Tutti che collabora con l'associazione promotrice, la UPF Universal Peace Federation, condividendo pienamente gli scopi del Trofeo della Pace.

Invitiamo gli appassionati ad essere presenti, come sempre l'entrata sarà libera, per sostenere ancora una volta le squadre impegnate, nella convinzione che ci offriranno delle partite di qualità, all'insegna della lealtà e dell'integrazione tra tradizioni e culture diverse. Un sincero augurio a tutti i giocatori, nella foto vediamo quelli dell'Ecuador e della squadra The African Football.

ecuador_e_the_african_football

 

 
Sport metafora della vita PDF Stampa E-mail

Domenica 10 giugno si giocheranno le ultime partite della fase a gironi, questo il programma presso il campo Ambrosini in via Solferino 32 a Monza:

ore 15.00 TIBET - AFRICA UNITE

ore 16.00 CTP CONFALONIERI - THE AFRICAN FOOTBALL 

in contemporanea, ore 16.00 INTERNATIONAL UPF - BANGLADESH SPORTIN CLUB

Sarebbero tante le storie da raccontare, collegate a questa edizione del Trofeo della Pace, prima o poi lo faremo, intanto invitiamo tutti gli appassionati a venire a vedere e salutare le squadre impegnate domenica, perché per diverse di loro sarà l'ultima partita che giocheranno, anche se poi ci ritroveremo in occasione della giornata conclusiva, che si terrà domenica 24 giugno al campo Sada, zona stazione FS Monza, con le premiazioni per tutti che seguiranno la finalissima.

Allora facciamo nostre le parole conclusive di Mons. Carlo Mazza al termine di un discorso, di qualche anno fa' ma sempre attuale, dedicato all'etica nello sport: 

"… vorremmo che lo sport rimanesse una seducente metafora della vita, un'attività degna della persona umana nel segno della libertà, della creatività, della solidarietà e della pace."

Shaffa

 
Tibetani e amici PDF Stampa E-mail
Il tempo incerto e la pioggia non hanno fermato, domenica 20 maggio, il torneo interetnico promosso dalla UPF Sport for Peace, con il supporto della sezione arbitrale della UISP di Monza. Anzi la prima partita tra il Tibet e il Bangladesh è stata una delle più palpitanti, sia per l'impegno profuso in campo dalle due squadre che per il tifo davvero caloroso delle tue tifoserie. Il confronto, molto aperto e con il risultato in bilico fino alla fine, si è concluso con la vittoria del Bangladesh per 4 a 3.
Quello che ancora una volta è piaciuto tantissimo è lo spirito positivo, al di là del risultato, di tutti i protagonisti in campo, che hanno dimostrato il valore dello sport inteso come vero momento di incontro, e non scontro, tra persone di nazionalità e culture diverse, che si conoscono su un campo di calcio, divertendosi insieme a prescindere dal risultato finale. Questa atmosfera davvero entusiasmante ha coinvolto tutti i presenti che alla fine si sono uniti in un unico sincero applauso a tutti i giocatori.
Nella seconda partita la squadra GMMB, giovani musulmani monza brianza, ha battuto per 4 a 1 la squadra dell'Africa Unite, composta da persone originarie di vari paesi africani che lavoravano in Libia, e nel momento della caduta di Gheddafi sono stati imbarcati e portati come profughi nel nostro Paese e quindi a Monza, dove sono seguiti dalla cooperativa sociale Aeris di Vimercate.
La partita è stata molto più incerta di quanto faccia supporre il risultato e solo alla fine i giovani musulmani sono riuscito ad avere ragione dei loro avversari.
Nella terza partita, invece il risultato non è mai stato in bilico, troppa la differenza di valori in campo, e il punteggio finale di 12 a 1 per la squadra The African Football sul Bangladesh Sporting Club non lascia adito a dubbio, semmai dimostra come i giovani africani, originari del Senegal e del Burkina Faso, siano tra i candidati alla vittoria finale.
Per il programma di domenica prossima 27 maggio, sempre presso il campo Ambrosini in via Solferino 32 - zona ospedale vecchio di Monza - vi rimandiamo al link specifico "calendario e risultati" e con piacere pubblichiamo una foto mandataci dagli amici tibetani, che vengono al campo con le sciarpe e le bandiere del Tibet per non farci dimenticare la causa per i diritti umani nel loro Paese.
tibetani_e_altri

 
Scanagatti e Mandelli al Trofeo della Pace PDF Stampa E-mail

La terza giornata del Trofeo della Pace si è tenuta domenica 13 maggio presso il Centro Sportivo Ambrosini, in via Solferino 32 a Monza, ed ha avuto un antefatto particolarmente originale e simpatico. Invitati dalla nostra associazione, sul campo si sono presentati puntualmente i due candidati a Sindaco della città, Roberto Scanagatti e Andrea Mandelli, che domenica 20 e lunedì 21 prossimi si sfideranno al ballottaggio, mentre stavolta si sono prestati, con garbata ironia, ad un siparietto semi-sportivo, sfidandosi ad una mini serie di calcio di rigore.

Così, mentre in porta si alternavano i portieri delle squadre che da lì a poco si sarebbero affrontate, ognuno dei 2 ha effettuato 3 tiri dal dischetto e la singolare sfida si è conclusa con la vittoria di … diciamo con un salomonico pareggio. Notevole che tutte e due i candidati abbiano accettato di "mettersi in gioco", e la simpatia e la naturalezza con cui entrambi lo hanno fatto è stata molto apprezzata da tutti i presenti, comunque vada a finire al ballottaggio la città di Monza avrà un Sindaco che almeno non si tira indietro!

Li ringraziamo entrambi, anche a nome dei giocatori, che si sono divertiti e li hanno sostenuti con "ola" da stadio al momento dei tiri dal dischetto. Invitando i monzesi ad andare a votare, per l'uno o per l'altro ognuno deciderà secondo coscienza, porgiamo sia a Scanagatti che a Mandelli i nostri migliori auguri nella speranza che, chiunque vinca, sia il Sindaco di tutti e che possano collaborare almeno sugli aspetti fondamentali, per il bene della comunità, ribadendo un concetto: secondo noi il Primo Cittadino dovrebbe essere il Primo al Servizio degli Altri.

Per quanto riguarda le partite, siamo partiti con la sfida tra la squadra tibetana e quella dei giovani musulmani di Monza e Brianza, il cui calcio d'inizio è stato dato, e non poteva essere altrimenti, proprio dai due candidati. Questo era l'esordio per il Tibet e i tibetani hanno ricevuto una calorosa accoglienza, ricordandoci ancora una volta la causa dei diritti umani nel loro Paese. Certo sul piano del gioco del calcio lasciano ancora a desiderare, e forse la squadra avversaria non ha voluto infierire più di tanto e il risultato finale è stato di 7 a 0 per la GMMB.

Anche nel secondo incontro si sono affrontate due squadre di diversa caratura tecnica, e lo squadrone dell'Ecuador ha battuto per 13 a 2 il CTP Confalonieri, dove CTP sta per Centro territoriale Permanente, con la sezione per stranieri della scuola media Confalonieri di Monza. Tuttavia i giovani del CTP non se la sono presa più di tanto ed anzi si sono impegnati al massimo ed hanno accettato serenamente la sconfitta, dimostrando che si può giocare anche solo per divertirsi, mentre l'Ecuador appare una delle squadre candidate al successo finale.

L'ultima partita è stata quella più interessante sia dal punto di vista tecnico che per l'alternanza dei risultati, la squadra della Bolivia e quella dell'Africa United hanno dato vita ad un match molto combattuto e nessuna delle due è riuscita a prevalere, fissando il risultato sul 4 a 4. L'Africa United è composta da giovani di vari paesi africani che lavoravano in Libia, al momento della caduta di Gheddafi sono stati imbarcati e portati come profughi nel nostro paese e quindi a Monza, dove sono seguiti dalla cooperativa sociale Aeris di Vimercate.

Alla fine tutti, spettatori e giocatori, se ne sono andati col sorriso sulla labbra e questo è un bel vedere, di questi tempi e dopo una partita di calcio. Domenica prossima 20 maggio, oltre a votare per il nuovo Sindaco, a Monza si gioca ancora per il Trofeo della Pace: per il programma delle partite cliccate sulla sezione "calendario e risultati", vi aspettiamo con gioia.

Nella foto: a sinistra Andrea Mandelli, al centro Carlo Chierico, presidente della UPF Monza, a destra Roberto Scanagatti.

Immagine_6


 
Domenica 13: calcio e diritti umani PDF Stampa E-mail

Prosegue il cammino del torneo interetnico di calcio a 7 promosso dalla UPF  -  Sport for Peace  -  per favorire la pratica dello sport e la conoscenza, l'amicizia e il rispetto reciproco tra giovani di diverse culture, nazionalità e religioni, partendo dalla passione comune per il calcio.

Domenica 13 maggio presso il Centro Sportivo Ambrosini, in via Solferino 32 a Monza, ci sarà l'esordio della squadra del Tibet, la presenza degli amici tibetani ci permette di non dimenticare la causa dei diritti umani nel loro Paese.  Questo il programma della giornata:

alle ore 15.30: Tibet - GMMB (Giovani Musulmani Monza Brianza)

alle ore 16.30: CTP Confalonieri - Ecuador

alle ore 17.30: Bolivia - Africa United

Tra l'altro ci siamo permessi di invitare, per l'inizio della giornata sportiva, entrambi i candidati Sindaci per Monza, i signori Roberto Scanagatti e Andrea Mandelli, che a loro volta si affronteranno nel ben più impegnativo ballottaggio che si terrà domenica 20 e lunedì 21 maggio, sperando che abbiano tempo e voglia di "mettersi in gioco", magari tirando una mini-serie di calci di rigore. Con la loro presenza sicuramente farebbero felici i giocatori, e chissà mai: potrebbe essere propedeutico ad una futura collaborazione, chiunque sia il vincitore delle elezioni,  per il bene comune di tutti, partendo dai più deboli e meno fortunati. A nostro modesto parere il Primo Cittadino dovrebbe essere il Primo al Servizio degli Altri. Li aspettiamo fiduciosi.   Carlo Chierico,  mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

P1020178

 
Giocare e conoscersi su un campo di calcio PDF Stampa E-mail

Dopo l'esordio a Sesto San Giovanni (MI) il torneo interetnico si è spostato a Monza e domenica 6 maggio si sono giocate le prime partite presso il Centro Sportivo Ambrosini in via Solferino. Mentre la pioggia si alternava a momenti di sereno, le squadre si sono affrontate a viso aperto, dando vita a match molto combattuti ma estremamente corretti, com'è nello spirito del Trofeo della Pace.

Sul campo si sono visti giovani di tanti Paesi diversi, infatti la maggior parte delle squadre erano miste e abbiamo contato ben 16 nazionalità di 3 continenti. Colpisce il fatto che i giocatori, oltre a divertirsi con il pallone, ne hanno approfittato per conoscersi: quando le partite finiscono quasi nessuno dei partecipanti va via subito, alcuni si fermano a guardare le altre squadre giocare, molti rimangono a parlare con quelli che poco prima sono stati avversari sul campo e dopo sono semplicemente dei coetanei con i quali, partendo dalla passione comune per il calcio, è bello discutere e magari scambiarsi anche il numero di telefono.

Per quanto riguarda l'aspetto sportivo, anche in questa seconda giornata si sono visti molti goal, 27 in 3 partite e per i risultati e la classifica vi rimandiamo all'apposita sezione di questo sito. Ha sorpreso molto la vittoria del Bangladesh che è riuscito a superare, dopo una partita avvincente, la squadra dell'Africa United.

Quest'ultima è composta da giovani di vari paesi africani che lavoravano in Libia, al momento della caduta di Gheddafi sono stati imbarcati  e portati come profughi nel nostro Paese e quindi a Monza, dove sono ospiti presso l'albergo Fantello, seguiti dalla cooperativa sociale Aeris di Vimercate. Purtroppo parlano poco la nostra lingua e quindi speriamo che questa partecipazione al torneo possa essere loro di aiuto anche in questo aspetto, intanto li abbiamo visti familiarizzare e parlare in inglese con alcuni giocatori di altre squadre.

Nelle altre due partite non c'è stata molta storia perché i giovanissimi del CTP Confalonieri - dove per CTP si identifica il Centro Territoriale Permanente, con la sezione per stranieri della scuola media Confalonieri di Monza - formano una bella squadra mista con ragazzi di origine sudamericana, africana ma anche dell'Ucraina e dell'Albania, che hanno battuto con relativa facilità la seconda squadra del Bangladesh, lo Sporting Club; mentre la fortissima formazione chiamata The African Football, dove abbiamo visto giocare delle individualità con prestanza fisica e tecnica davvero notevoli, non ha dato scampo agli italiani dell'International UPF, segnando ben 8 reti.

Ancora un ringraziamento alla sezione arbitrale della UISP di Monza Brianza, con arbitri molto preparati ma anche aperti e disponibili al dialogo, come si conviene ad una manifestazione del genere. Intanto diamo appuntamento a tutti gli appassionati a domenica prossima 13 maggio, quando ci sarà l'esordio di una delle squadre più attese, il Tibet, perché vogliamo che, anche grazie al Trofeo della Pace, non venga oscurata la battaglia per i diritti umani del popolo tibetano.

trofeopace3


 
Domenica 6 maggio a Monza si gioca e si ...vota! PDF Stampa E-mail

La seconda giornata del torneo interetnico, dopo l'esordio a Sesto San Giovanni, si terrà domenica 6 maggio presso il campo in sintetico del Centro Sportivo Ambrosini, gentilmente messo a disposizione dalla società Cierre che lo gestisce, in via Solferino 32 a Monza (zona ospedale vecchio, 10 minuti a piedi dalla stazione FS).

Sono previste 3 partite - per il calendario completo vedi l'apposita sezione di questo sito - tra cui segnaliamo l'esordio di 2 squadre miste di giocatori di origine africana e delle 2 squadre del Bangladesh, queste ultime sono le formazioni che tutti vorrebbero incontrare perché notoriamente non abili nel gioco del calcio ma quest'anno ci attendono sorprese!

In particolare segnaliamo la squadra dell'Africa Unite, sono giovani ma anche meno giovani profughi di vari paesi africani (Ghana, Nigeria, Somalia, Ciad e Sudan) che si trovavano in Libia per lavoro, ora rifugiati nel nostro paese e ospitati a Monza presso l'albergo Fantello, in altro momento approfondiremo la loro storia, intanto siamo particolarmente felici di vederli giocare al nostro Trofeo della Pace e li accoglieremo calorosamente allo loro prima partita: alle 15.30 avranno come avversari il Bangladesh.

Domenica 6 maggio per Monza è un giorno speciale perché si vota per le amministrative: ci sono 20 liste, che chiederanno il voto ai cittadini (ricordiamo che possono votare gli italiani ma anche gli altri cittadini di qualsiasi paese della Comunità Europea residenti a Monza ) con 11 candidati Sindaci. Si può votare domenica dalle ore 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15: il nostro invito è assolutamente di andare a votare, abbiamo il diritto-dovere di scegliere chi ci amministrerà per i prossimi 5 anni e sicuramente all'interno delle varie liste ci sono candidati molto validi e desiderosi di mettersi al servizio della città, sta a tutti noi sceglierli, tenendo presente che si può segnare la preferenza di un solo nome della lista a cui daremo il nostro voto.

A questo proposito dispiace davvero che persone di Paesi non della Comunità Europea, non possano esprimere il proprio voto nella città dove vivono, studiano o lavorano e pagano le tasse da tanti anni perché non riescono ad ottenere la cittadinanza italiana, non è certo questo il luogo dove discuterne ma rimane di fondo questa ingiustizia, che merita davvero una grande e civile battaglia per i diritti di tutti.

Intanto aspettiamo gli appassionati domenica pomeriggio per le partite del nostro torneo interetnico e auguriamo una bella giornata di sport e amicizia a tutti i partecipanti.   Carlo Chierico

azione_6

 
Calcio e amicizia PDF Stampa E-mail

Questi i risultati delle 2 partite inaugurali: GMMB (Giovani Musulmani Monza Brianza) - Bolivia 4 a 2; Ecuador - International UPF 6 a 1. La prima giornata si è tenuta presso lo stadio Breda a Sesto San Giovanni, poi da domenica prossima si giocherà a Monza, presso il centro sportivo Ambrosini in via Solferino 32, per i dettagli cliccare sulla sezione "calendario e risultati".

E' stata una bella giornata di sport, all'insegna dell'amicizia, dove la passione comune per il calcio ha fatto da collante per giovani di diverse nazionalità e culture, persone che non si conoscevano, pur abitando su uno stesso territorio, che si sono sfidate con assoluta correttezza e rispetto, nel pieno spirito del Trofeo della Pace: poi vedremo insieme cosa succederà in futuro, intanto siamo felici di aver seminato qualcosa che va oltre una semplice partita di pallone.

Le partite sono state davvero ben giocate e quindi piacevoli da vedere per gli spettatori, si sono viste belle azioni in velocità e molti goal, com'è tipico nel calcio a 7. Abbiamo anche notato alcune individualità notevoli, soprattutto nelle due squadre vincitrici. 

Le immagini della giornata saranno inserite, nei prossimi giorni, nella apposita rubrica "foto". Intanto auguriamo un grande successo a tutti i partecipanti a questa edizione del torneo interetnico.

P1050798

 
Trofeo della Pace: 29 aprile – 24 giugno PDF Stampa E-mail

Giunto alla settima edizione, il Trofeo della Pace è promosso dalla UPF con l'adesione e il patrocinio dei Comuni di Monza, Sesto San Giovanni, Agrate, Villasanta, della Provincia Monza Brianza, del CONI Lombardia e di altri Comuni, Enti Locali e Istituzioni. Al torneo interetnico parteciperanno circa 150 giocatori in rappresentanza di varie comunità e nazionalità presenti sul territorio, facendo del Trofeo della Pace una delle manifestazioni più interessanti per il suo mix di sport e solidarietà.

Sabato 21 aprile si è tenuta la cerimonia del sorteggio, in via Puglia 14 a Monza, presso la sede della sezione brianzola della UISP, l'Unione Italiana Sport per Tutti, che da alcuni anni aderisce e collabora con il Trofeo della Pace. condividendone pienamente i valori e mettendo in campo la propria sezione arbitrale.

Domeniche 29 aprile si terranno le prime due partite allo stadio Breda, in via XX Settembre a Sesto San Giovanni, lo stadio principale della città, concesso gratuitamente dal Comune di Sesto S. G. con la collaborazione della Società Pro Sesto. Questo il programma della giornata inaugurale, con entrata libera per tutti naturalmente:

alle ore 15.30: GMMB (Giovani Musulmani Monza Brianza) - Sudamerica

alle ore 16.30: International UPF - Ecuador

Poi si giocherà tutte le domeniche pomeriggio, fino alla giornata conclusiva del 24 giugno, con le finali per il terzo e primo posto, la festa delle premiazioni e la chisura con un rinfresco insieme, ulteriore spinta alla conoscenza reciproca e alla condivisione. La maggior parte delle partite saranno giocate a Monza presso il Centro Sportivo Ambrosini in via Solferino 32 che, grazie alla gestione della Cierre srl, viene concesso gratuitamente.

I palloni utilizzati per le partite, come già negli anni scorsi, sono quelli della campagna “Diritti in gioco” prodotti in Pakistan senza l'utilizzo di manodopera minorile. La grande novità dell'edizione 2012 sarà rappresentata dalla presenza di molte squadre composte da giovani con età compresa tra 16 e 26 anni, mentre sono previste diverse manifestazioni collaterali, tra le quali una festa interetnica ed incontri dedicati proprio ai giovani, sui valori e l'etica nello sport, allo scopo di ampliarne la valenza sociale ed educativa.

Il programma degli eventi, il calendario e i risultati delle partite, foto, resoconti, rassegna stampa, etc. saranno man mano inseriti sulle apposite sezioni di questo sito, dove pure saranno evidenziati i loghi e i siti web di tutti gli Enti Locali, le Società e le Istituzioni che avranno concesso il patrocinio, mentre è prevista anche la stampa di una brochure illustrativa a colori.

Come abbiamo detto più volte, la  pratica di uno sport può davvero essere strumento di valori ed ideali che poi si riversano nella vita di tutti i giorni, quando si riconosce nell'altro non più uno straniero sconosciuto ma un amico, scoperto dapprima come leale avversario su un campo sportivo, partendo dalla passione comune per il gioco del calcio. Per questo sono molte le iniziative promosse dal dipartimento UPF Sport for Peace, attivo sia a livello locale che nazionale.

Un grande ringraziamento a coloro che, a vario titolo e misura, collaborano per la realizzazione di questa edizione del Trofeo della Pace (ne citiamo uno: il medico Salvatore Arcidiacono - al centro nella foto - che ha visitato gratuitamente un centinaio di partecipanti) e tantissimi auguri ai giocatori che si avviano ad esserne i protagonisti.

Carlo Chierico, Presidente UPF Universal Peace Federation - sez. Monza Brianza. Per info: mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. italia.upf.org

P1020145


 
Non solo sport: serata dedicata al popolo birmano. PDF Stampa E-mail

Birmania: quale futuro? Questo è il tema dell'incontro aperto al pubblico che si terrà sabato 21 aprile alle ore 21.00 presso la sala D dell'Urban Center, al 2° piano sopra il teatro Binario7, in via F. Turati 6 a Monza (zona stazione FS - park in piazza Castello). La serata si propone di dare un aggiornamento sulla situazione attuale nel Paese asiatico, alla luce delle recenti elezioni suppletive che hanno portato all'elezione in Parlamento di Aung San Suu Kyi.

Ne parliamo con il prof. Giuseppe Malpeli, appena tornato da Rangoon dove ha seguito le elezioni e incontrato personalmente la leader birmana e Premio Nobel per la Pace.

"Tutto il popolo birmano è in fermento. Stando a Rangoon, mi è sembrato di essere non in un luogo fisico, ma in un libro dove la memoria è stata custodita con coraggio, dove si sente l’anima di un popolo, dove si è a contatto diretto e immediato con la democrazia che nasce. La Birmania è stata in questi anni come un grande campo, dove molti hanno in forme diverse seminato con lacrime e sangue. Ora sembra davvero che sia tornato il tempo del giubilo e della speranza. Questo, oggi, accade in Birmania".

All'incontro sarà presente anche il regista di fama internazionale Adriano Zecca, autore di prestigiosi documentari per la RAI e TV Svizzera, tra cui uno, di alcuni anni fa', dedicato proprio alla Birmania, di cui vedremo alcuni spezzoni.

Tra l'altro, il Senato Italiano ha appena approvato all'unanimità una mozione presentata da rappresentanti di diversi Gruppi Parlamentari di Palazzo Madama sulle riforme democratiche in Birmania. La prima firmataria, la Senatrice Albertina Soliani, ha sottolineato l'importanza storica del recente risultato elettorale che ha segnato l'affermazione di Aung San Suu Kyi e degli altri candidati del partito NLD, la Lega Nazionale per la Democrazia, da lei stessa fondato.

Quanto accade in Birmania dimostra come l'affermazione della democrazia costituisca un obiettivo da perseguire ovunque con grande impegno.

La locandina dell'evento si può visionare dai siti delle due associazioni organizzatrici, la UPF Universal Peace Federation e l'Associazione per l'Amicizia Italia Birmania:

www.italia.upf.org e www.amiciziaitaliabirmania.it

 
La UISP e il Trofeo della Pace PDF Stampa E-mail

"Anche quest’anno il Comitato UISP Monza Brianza ha deciso di sposare la causa del Trofeo della Pace, il calcio protagonista della conoscenza, dell'amicizia e dell'integrazione tra persone residenti sullo stesso territorio ma di diverse culture, tradizioni e religioni; il calcio come scusa e con l’obiettivo di superare le differenze di ogni genere: linguistiche, etniche e culturali. Giunta alla settima edizione, la kermesse sportiva di quest’anno, organizzata con il supporto del settore tecnico arbitrale della UISP (Unione Italiana Sport per Tutti), ospiterà oltre 150 giocatori, suddivisi nelle squadre che prendono il nome dalla provenienza di ognuno. Una festa multiculturale di calcio per riportare lo sport a una dimensione più “umana”, lontana dai condizionamenti economici e politici. Questo modo di “fare sport” ha nel cuore i valori della nostra associazione: lo sport praticato da tutti nella sua dimensione corale e collettiva. Giocare insieme fa scattare la molla del dialogo e dell’amicizia, in campo e fuori".   Paolo Monti, Presidente UISP Monza e Brianza. 


 
UPF SPORT FOR PEACE PDF Stampa E-mail

L'edizione 2012 del Trofeo della Pace è in fase di definizione, con le iscrizioni delle squadre partecipanti che si chiuderanno a breve, successivamente ci saranno la cerimonia del sorteggio e la presentazione alla stampa e poi finalmente si giocherà, tutte le domeniche pomeriggio per circa due mesi. Un grande augurio e un caro saluto alle squadre e a tutti i giocatori.

Gli scopi di questo torneo interetnico sono gli stessi degli anni precedenti:

"favorire la pratica del calcio e attraverso di essa la conoscenza, l'amicizia e l'integrazione tra persone residenti sullo stesso territorio ma di diverse culture, tradizioni e religioni: questo lo spirito fondante del Trofeo della Pace, promosso dalla sezione di Monza Brianza della UPF Universal Peace Federation/Sport for Peace. La pratica di uno sport può davvero essere strumento di valori ed ideali che poi si riversano nella vita di tutti i giorni, quando si riconosce nell'altro non più uno straniero sconosciuto ma un'amico, scoperto dapprima come leale avversario su un campo sportivo, partendo dalla passione comune per il gioco del calcio."

Per info, mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  tel. cell. 393.0077700

UPF_sportforpeace


 
E' in preparazione l'edizione 2012 del Trofeo della Pace PDF Stampa E-mail

Eccoci arrivati al periodo di preparazione della nuova edizione del Trofeo della Pace, quest'anno siamo arrivati alla settima edizione; il nostro torneo interetnico di calcio a 7 oramai è un appuntamente consilidato, un evento davvero originale per il suo mix di sport all'insegna dell'amicizia, della conoscenza reciproca e della convivialità tra persone residenti su uno stesso territorio ma di culture, nazionalità e religioni diverse.

Come sempre il Trofeo della Pace è promosso dalla sezione di Monza e Brianza della UPF/ Universal Peace Federation in collaborazione con enti, istituzioni ed altre realtà associative del territorio, le provincie di Monza Brianza e Milano, i comuni di Monza, Agrate, Sesto San Giovanni e molti altri.

La preparazione inizierà con vari incontri con i capitani delle squadre interessate per poi fissare la data della festa del sorteggio e la definizione del calendario di tutte le partite, nella convinzione che la comune passione per lo sport e il divertimento del calcio praticato in armonia e amicizia, nel rispetto delle regole che ne sono parte essenziale, possano aiutare a sviluppare anche una coscienza sociale ed etica.

Per questa nuova edizione  sono previste inoltre diverse manifestazioni collaterali, tra le quali la festa interetnica "saperi e sapori dal mondo", incontri e serate dedicate ai giovani sul valore dello sport, concorsi per bambini e ragazzi con disegni ed elaborati scritti sul tema: "amicizia e pace attraverso lo sport", allo scopo di ampliarne la valenza sociale ed educativa. In particolare quest'anno puntiamo ad eventi che possano coinvolgere i giovani del territorio, di tutte le nazionalità, e ci piacerebbe che le squadre stesse siano composte da giovani, nella fascia di età tra 16 e 25 anni, naturalmente saranno benvenuti anche i meno giovani nell'età ma con il cuore e l'attitudine adatti allo spirito del Trofeo della Pace.

Per ulteriori informazioni, iscrizioni ed anche proposte di collaborazione ed aiuto da parte di volontari ( l'impegno organizzativo è davvero considerevole) potete contattarci cliccando su "contatti" nella home page di questo sito, mentre siamo anche alla ricerca di sponsor della manifestazione, tenendo conto che anche quest'anno stamperemo in migliaia di copie una brochure interamente dedicata al torneo interetnico, dando spazio adeguato ai vari sostenitori.

Nel concludere, non ci rimane che invitare tutti gli interessati a contattarci al più presto, augurando a tutti i partecipanti, fin d'ora, un grande successo nel gioco del calcio ma soprattutto nella vita di tutti i giorni, ricordando il motto, preso dalle parole del grande Gandhi, della UPF di Monza: "Siate il cambiamento che volete vedere nella società".   Carlo Chierico

P1060169