Home 2008 comunicati
comunicati 2008
Non solo calcio, ospitiamo un appello per un nuovo progetto a favore di giovani profughi birmani PDF Stampa E-mail

In seguito agli incontri avuti dal dr. Beaudee Zawmin, rappresentante del movimento democratico birmano, con le Amministrazioni locali, diverse città italiane hanno conferito la cittadinanza onoraria a prigionieri politici birmani, su proposta della UPF/Universal Peace Federation e della Associazione per l’Amicizia Italia Birmania.

L'ultimo evento si è tenuto a Monza dove, in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione dei diritti umani da parte delle Nazioni Unite, si è tenuto un Consiglio comunale aperto, convocato per dare la cittadinanza onoraria al prigioniero Khun Htun Oo, leader politico dell'etnia Shan, condannato a 93 anni di carcere.

Naturalmente rimane l'impegno a sostenere ulteriori iniziative del genere, nella convinzione dei benefici che ne possono derivare, a partire da quelli tangibili al prigioniero, al sostegno morale al popolo birmano e alla diffusione nel nostro Paese di informazioni sulla situazione attuale in Birmania.

Inoltre le 2 associazioni sopra citate intendono sviluppare e portare avanti un nuovo progetto, presentato dallo stesso Zawmin: si tratta di sostenere gli studi di giovani profughi birmani. Gli studenti saranno scelti principalmente tra i profughi di etnia Shan e Karen che vivono in Thailandia. Più precisamente vorremmo aiutare le ragazze di origine etnica, che subiscono sfruttamenti di ogni genere, in modo che possano essere libere di studiare fino alla laurea. Siamo già in contatto con alcune associazioni umanitarie con sede in Thailandia che si occupano di prostituzione e traffico umano, inoltre l’Euro-Burma Office di Bruxelles, organismo fondato nel 1997 dalla Comunità Europea per sostenere la causa dei diritti umani in Birmania,  potrebbe garantire per questo progetto, che prevede di finanziare i giovani studenti profughi per tutti e quattro gli anni di durata del corso di laurea presso l'Università di Bangkok, compreso il vitto e l'alloggio.

Invitando Enti locali, istituzioni ed associazioni ma anche aziende e singoli cittadini interessati a contattarci, rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore informazione e chiarimento in merito.

Per info: Carlo Chierico, tel. cell. 339/6438535

 
Convegno Ubuntu Cup Project PDF Stampa E-mail
nonsolopallone
 
21-28 settembre: Settimana della Pace con quadrangolare di calcio a 7 PDF Stampa E-mail

Questo il programma completo della settimana della pace e dell'integrazione, organizzata dalla UPF(Universal Peace Federation) in collaborazione con gli Enti Locali interessati.

Domenica 21 settembre alle 17,00 presso il Centro Civico Demo Costa Zaccarelli, in via Gen. Cantore,145 a Sesto San Giovanni (Mi) : celebrazione interreligiosa per la pace con posa di una targa commemorativa in occasione del primo anniversario dell'impianto dell'Albero della Pace, a seguire messaggi degli esponenti di varie fedi e comunità religiose.

Domenica 21 settembre alle 21,00 all'aperto presso l'Arengario in piazza Roma a Monza : veglia interreligiosa di preghiera per la pace. Esponenti delle diverse fedi conducono a rotazione un'esperienza di preghiera come sfondo e sostegno spirituale per la costruzione della pace nel mondo, ed al termine della veglia, della durata di circa 1 ora, accenderanno insieme un braciere, come segno simbolico ed espressione del desiderio comune di pace, dignità e diritti umani per tutti.

Martedì 23 settembre presso un parco pubblico a Bergamo: impianto dell'Albero della Pace, rappresentanti dell'Amministrazione Comunale ed esponenti delle diverse fedi "impianteranno" insieme un albero, come segno permanente di pace nella città. Seguiranno momenti di preghiera e messaggi per la pace e la cooperazione interreligiosa.

Giovedì 25 settembre, durante la giornata, nei pressi della Stazione Centrale a Milano: impegno e servizio dei giovani della Youth Federation for World Peace a favore dei più bisognosi.

Venerdì 26 settembre dalle 18,00 presso la sede UPF di Milano in via Cola Montano,40: serata sul tema "Islam: un cammino di pace" dialogo interreligioso e difesa dei diritti umani.

Sabato 27 settembre dalle 16,00 alle 19,00 presso i campi della società sportiva "La Dominante" in via Ramazzotti,19 a Monza: torneo interetnico di calcio a 7, EDIZIONE SPECIALE del TROFEO DELLA PACE, quadrangolare con la partecipazione delle squadre di Italia Diritti Umani, Tibet, Selezione SudAmerica e NordAfrica Egitto.

Domenica 28 settembre alle 18,00 presso la Casa del Volontariato in via Correggio,59 a Monza: incontro "Sapere e Sapori", rassegna spontanea di letterature e musiche tradizionali sul tema : Diritti e Pace. Al termine aperitivo-buffet multietnico e speciale Brindisi per la Pace e la Prosperità di Tutti i Popoli.

 
Incontro inaugurale PDF Stampa E-mail

Domenica 30 marzo è iniziato il "Trofeo della Pace 2008", la terza edizione del torneo interetnico di calcio a 7 organizzato dalla sezione di Monza e Brianza della Federazione Interreligiosa per la Pace, con il contributo della Provincia di Milano, e l'adesione e il patrocinio dei Comuni di Monza, Agrate Brianza, Brugherio e Villasanta.

Il primo evento è stato un momento di festa e convivialità alla Cascina Bassa all'interno del parco di Monza, con la condivisione di cibo interetnico preparato e portato dagli stessi partecipanti.

Poi presso il campo messo a disposizione dalla società "La Dominante" in via Ramazzotti a Monza si è giocata la partita inaugurale, vinta dalla squadra dei campioni in carica dell'Egitto per 7 a 4 contro una delle squadre italiane.

Oltre al gioco, peraltro divertente e tecnicamente valido, gli spettatori hanno apprezzato l'attitudine e la particolare correttezza di tutti i calciatori in campo, che hanno espresso in pieno lo spirito che anima il "Trofeo della Pace", che vuole portare avanti valori importanti come amicizia e integrazione, oltre alla condivisione della passione per il calcio, fino ad arrivare ad esprimere attraverso lo sport un vero messaggio di pace.

Da notare che nel torneo verranno utilizzati esclusivamente i palloni della campagna "I diritti in gioco" del Commercio Alternativo.